Excite

Caratteristiche principali dei router wireless

Si calcola che più della metà delle famiglie italiane ha una connessione internet a casa. Questo significa anche che il router wireless sta diventando uno degli "elettrodomestici" più diffusi. Per questo è bene cominciare a capire quali sono le caratteristiche distintive dei router wireless e di conseguenza cosa prendere in considerazione quando si deve scegliere un apparecchio adatto alle vostre esigenze.

Scopo e caratteristiche

Innanzitutto, vediamo brevemente quale è lo scopo del router wireless.

In generale un "router" è uno strumento in grado di indirizzare una singola rete dati digitale funzionante a "pacchetti" verso più utilizzatori. Tipicamente, nell'uso casalingo, consente di moltiplicare la rete LAN (Local Area Network) di uscita del modem, ad esempio, per 4, consentendo così l'accesso simultaneo a internet di 4 PC. Spesso nel router per ADSL è compreso anche il modem, che converte il segnale analogico ADSL presente nel doppino telefonico in segnale digitale e viceversa.

Se le connessioni tra router e PC possono essere non solo "fisiche", come la linea LAN, ma anche attraverso connessioni a radiofrequenza, il router è chiamato "wireless" (WLAN). Normalmente i router wireless dispongono anche delle connessioni LAN.

Sia la linea LAN che la wireless si basano su protocolli standard IEEE 802, in particolare IEEE 802.3 per la LAN, e IEEE 802.11 per le wireless.

Quali sono le caratteristiche principali di un recente router wireless da tenere in considerazione?

Innanzitutto la velocità di trasmissione dei dati. Tramite LAN i moderni router possono "viaggiare" a 10/100 e ora fino a 1000 Mbps. La selezione della velocità, in genere automatica, è in funzione delle caratteristiche dei dispositivi collegati al router.

La velocità della connessione wireless è sensibilmente inferiore a quella fisica, tramite cavo. Avviene con portante a frequenza 2.4 GHz e, dal 1999, anche a 5 GHz. Secondo le versioni del protocollo la velocità di trasmissione dati passa dai 2 Mbps (IEEE 802.11) agli 11 Mbps (802.11b), 54 Mbps (802.11g) fino a 600 Mbps, possibili con il protocollo 802.11n. Conviene comunque scegliere modelli che supportino un protocollo recente, almeno il tipo 802.11g, e operino in "dual band", cioè sia a 2.4 che a 5 GHz. La banda a 5 GHz è meno "affollata", per cui eventuali interferenze con altre apparecchiature simili dei dintorni meno probabile.

Poiché' la massima distanza tra router wireless e PC non dipendono solo dalla potenza di trasmissione del router stesso, ma anche dalla sua sensibilità nel discriminare il segnale che dai PC raggiunge il router stesso, molto importante è la qualità del ricevitore. I router wireless meno recenti avevano una semplice antenna. Poi sono arrivati quelli con 2 antenne, funzionanti in tecnologia cosiddetta "diversity", per la quale è selezionata automaticamente l'antenna che riceve il segnale migliore. Più recentemente vediamo router a 3 antenne. In quest'ultimo caso la tecnica utilizzata è quella cosiddetta "multiricevitore". Ciascuna antenna è connessa a un ricevitore distinto. I segnali di uscita, opportunamente elaborati da DSP, migliorano la ricezione del segnale di ritorno proveniente dai PC, aumentando così la massima distanza raggiungibile, altro parametro da tenere in considerazione per la scelta.

Sicurezza

Tra le caratteristiche dei router wireless da tenere in considerazione, il capitolo "sicurezza" è piuttosto importante. Per sua natura, la connessione wireless può essere utilizzata da qualunque persona che si trova nelle vicinanze dell'apparecchio, non necessariamente all'interno della casa. Poiché' queste persone possono anche fare un uso fraudolento della connessione internet che potrebbe essere addebitata al proprietario della linea, è bene difendersi adeguatamente. Per questo sono nate oramai da qualche tempo metodi che evitano, o almeno riducono drasticamente, questo problema.

Già a livello di protocollo IEEE 802.11 sono state inserite possibilità di utilizzare il router wireless solo a chi conosce determinate password formate da lettere e/o numeri. Queste tecniche, in ordine di introduzione sul mercato, sono chiamate WEP, WPA e WPA2.

In alternativa, o come ulteriore protezione, c’è la possibilità di consentire l'accesso al router solo a un numero limitato di PC, identificabili con il proprio indirizzo IP da configurare nel router stesso.

adsl.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016