Excite

Broadband mobile: storia di un successo annunciato

Il broadband mobile sta ottenendo un successo notevole nel Mondo, e parzialmente anche in Italia. Nonostante i dati siano in forte crescita (oltre il 70% dal 2008), sono notevolmente inferiori ad altri Paesi europei come la Francia, l'Inghilterra e la Romania. Ma cosa si intende con il termine di connessione mobile a banda larga e quali sono i device per l'accesso in rete Wi-Fi?

Broadband mobile: i numeri ed il perché del successo

Con il termine di broadband mobile si intende la possibilità di connettersi a Internet tramite appositi dipositivi portatili dotati di un servizio cellulare GSM.

La tecnologia a banda larga sfrutta l'High Speed Packet Access (HSPA), protocollo, sviluppato a partire dall UMTS, in grado di garantire una velocita di trasmissione notevolmente maggiore dei precedenti (teoricamente di 14.4 Mbit/s in entrata).

Atteso per il 2012 il nuovo protocollo LTE (già testato nelle principali città italiane dai provider vincitori dell'asta per le frequenze preposte) in grado di garantire, almeno in linea teorica una velocità in download di ben 326,4 Mb/s, e destinato ad affermare ancora di più il broadband mobile (con un numero di fruitori preventivato pari al doppio degli utilizzatori della connessione a banda larga fissa già nel 2012).

I device utilizzati per l'accesso internet possono essere modem portatili, Pc Card, le cosiddette 'Internet Key' (chiavette USB flashdrive) e gli smartphone.

Questi ultimi rappresentano proprio l'aspetto peculiare dello sviluppo della banda larga per la connessione mobile essendo in grado di 'navigare' in autonomia in Rete (senza cioè utilizzare un pc portatile). Questo ha avvicinato un enorme massa di persone al broadband mobile, che dopo essersi dimostrato fondamentale in ambito lavorativo, è diventato importante anche nell'impiego quotidiano per varie funzionalità tra cui, ad esempio, scaricare applicazioni (Symbian, Apple od Android).

Tre Italia

Visto l'enorme businnes legato al broadband mobile, numerosi sono gli operatori che presentano particolari offerte. Ecco un piccolo escursus sui gestori ed una panoramica sulle offerte:

H3G

La 3 Italia è, in grado di garantire la banda larga per il 100% dei propri siti, con una velocità in download (sempre teorica) di 21 Mbps. Nell'ambito dell'offerta, oltre ai pacchetti legati all'acquisto di una 'chiavetta internet' da segnalare la linea WebFamily (Cube e Poket) che permettono di creare un vero proprio network basato sul broadband mobile, con offerte a partire da 9 euro al mese.

Vodafone

Anche Vodafone presenta una serie di offerte destinate a chi presenta un utilizzo della connessione a banda larga in maniera costante, con numerose opzioni che possono adattarsi alle più svariate esigenze, con prezzi a partire dai 10 euro (per 30 ore al mese) fino ad arrivare ai 50 euro mensili (con un limite di 1GB di traffico giornaliero)

Tim

All'interno della variegata offerta Tim, anche in questo caso adatta alle varie necessità individuali, sia per privati che in ambito lavorativo, sono da segnalare per la navigazione tramite laptop i piani 'Internet Pack Premium' ed 'Internet Premium' caratterizzati da un internet Key da 42,2 Mbps (299 euro all'anno il primo e 29 euro al mese il secondo).

L'abbassamento dei prezzi, e l'accessibilità per ogni target

In futuro si prevedono ulteriori impieghi per il broadband mobile, destinato ad ampliare la sua diffusione ed amplificare il proprio successo. Il nodo fondamentale risiede, almeno nel breve periodo, più che nell'innovazione tecnologica, nell'ingresso di nuovi competitor e il progressivo abbassamento dei prezzi. Soprattutto quest'ultimo aspetto ne ha portato la diffusione anche tra target di persone tradizionalmente non legate alla 'navigazione in rete', per età o estrazione sociale.

adsl.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016